Democratici USA: Si parla di “dream ticket” Clinton-Obama!

Anthony M. Quattrone

Con i risultati delle primarie nell’Ohio, Texas, Rhode Island, e Vermont del 4 marzo, è ormai evidente che né la senatrice di New York, Hillary Clinton, né il senatore dell’Illinois, Barack Obama, potranno raggiungere i 2.025 delegati necessari per ottenere la nomination a candidato presidente per il partito democratico, senza contare anche sul sostegno dei 795 superdelegati (parlamentari, governatori, e funzionari di partito) che hanno il diritto di voto nella Convention democratica del prossimo agosto.

Ad oggi, Obama è in vantaggio sulla Clinton nel conteggio totale dei delegati assegnati attraverso le consultazioni popolari, con 1.366 contro 1.222, mentre l’ex first lady gode ancora di un lieve vantaggio, 242 contro 207, fra quei super delegati che si sono già apertamente schierati a favore di uno dei due candidati. Pertanto, anche dopo la sconfitta in tre dei quattro stati dove si è votato martedì, Obama conduce per un totale di 1.573 delegati contro 1.464 per la Clinton. In base al sistema proporzionale con cui sono assegnati i delegati nelle primarie democratiche, è alquanto improbabile, hanno scritto Adam Gourney e Carl Hulse sul New York Times del 6 marzo, che uno dei due riuscirà ad ottenere una maggioranza schiacciante fra i 1.461 delegati ancora da assegnare attraverso le consultazioni popolari. Leggi tutto l’articolo!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: