Obama tira dritto: “Io non mi arrendo”

President Barack Obama delivers his State of the Union address on Capitol Hill in Washington, Wednesday, Jan. 27, 2010. (AP Photo/Tim Sloan, Pool)

Discorso sullo stato dell’Unione

Anthony M. Quattrone

“Io non mi arrendo” è il messaggio principale che il presidente americano, Barack Obama, ha mandato al Paese durante il discorso sullo stato dell’Unione che ha tenuto il 27 gennaio 2010.  Il presidente, che ha completato il suo primo anno di governo pochi giorni fa, affronta una contingenza negativa per la sua presidenza, caratterizzata dal calo dei consensi da parte degli elettori, tre gravi sconfitte elettorali negli ultimi mesi in Virginia, nel New Jersey, ed in Massachusetts, lo stallo sulla riforma sanitaria, e nessuna notizia buona riguardante la crisi economica.  Una tempesta perfetta per qualsiasi politico.

Nel suo discorso dinnanzi al Congresso, Obama è stato determinato nel riaffermare il programma politico esposto durante la campagna elettorale del 2008, ma ha anche dimostrato di aver compreso che è molto più difficile far trovare un accordo fra democratici e repubblicani sui temi fondamentali per il paese di quanto lui si aspettasse.  Obama ha anche compreso quanto è difficile governare lo stesso partito democratico, fatto di tante anime, dalla conservatrice alla progressista.  Il controllo unilaterale del Senato, con 60 democratici contro i 40 dei repubblicani, che il partito di Obama aveva fino alla settimana scorsa, non è servito per far approvare la riforma sanitaria, perché alcuni senatori democratici sono effettivamente più a destra dei repubblicani.  La perdita del seggio di Ted Kennedy nel Massachusetts, dopo 47 anni di ininterrotto dominio democratico, ha riportato i democratici a 59 senatori, perdendo il diritto legale di bloccare qualsiasi tentativo di ostruzionismo parlamentare da parte dei repubblicani.

Secondo un sondaggio condotto per il Wall Street Journal/NBC, il 58 percento degli americani pensa che il paese stia andando nella direzione sbagliata, mentre solo il 28 percento crede che il governo federale funzioni bene.  Secondo lo stesso sondaggio, solo il 47 percento degli americani approva il lavoro che Obama sta facendo per risolvere la crisi economica.  La critica più ricorrente da parte dell’opinione pubblica è che il presidente spende troppe energie per portare avanti la riforma sanitaria a detrimento della creazione di posti di lavoro.  Ed è forse per questo che Obama, nel discorso sullo stato dell’Unione, ha detto agli americani che la sua preoccupazione principale è l’economia e la creazione di posti di lavoro, ma che non ha nessun’intenzione di abbandonare le iniziative che sono al centro della sua azione politica, come la riforma del sistema sanitario.

Gli altri obiettivi principali che il presidente aveva enunciato per il primo anno di presidenza, oltre alla riforma del sistema sanitario, non sono stati raggiunti.  Non è riuscito a chiudere la prigione di Guantanamo.  Non è riuscito ad imporre limiti sull’emissione di gas inquinanti.  Non ha riformato il sistema finanziario.  Non ha firmato un nuovo patto con la Russia per le riduzioni degli armamenti.  Queste sono iniziative politiche ancora vive, e forse a breve avranno un seguito, ma, per il momento, il presidente ha dovuto affrontare la cruda realtà che i tempi della politica americana richiedono costanti compromessi e attenzioni rivolte agli interessi di una miriade di gruppi di pressione rappresentati nel Congresso.  Obama voleva bloccare l’influenza delle lobby sulla politica, ma, anche in questo campo, non è riuscito ancora a registrare alcun passo in avanti.  Le lobby sono presenti a Washington, facendo il lavoro di sempre, pur adattandosi a nuove regole, ma rimanendo influenti come prima.

Il presidente ha assunto la responsabilità per le recenti sconfitte elettorali del partito democratico, riaffermando, nel suo discorso, di aver compreso bene il messaggio che gli elettori gli hanno inviato.  Obama ha proposto una serie di nuovi incentivi fiscali per favorire la creazione di posti di lavoro da parte della piccola e media impresa, riducendo anche la pressione tributaria.  Ha proposto un congelamento della spesa per tre anni dal 2011 per alcuni settori del governo federale, ricevendo un moderato sostegno da parte della destra repubblicana e democratica ma ampie critiche da parte della sinistra del suo partito.  Il presidente è intenzionato a riordinare le priorità della sua agenda politica, cercando di ricreare un clima di fiducia da parte degli americani nei confronti della politica del governo federale.

Il 67 percento degli americani disapprova il lavoro fatto dal Congresso, secondo un sondaggio del 23 gennaio 2010 condotto per la National Public Radio.  Obama ha un gradimento più alto del Congresso, ma non può ritenersi soddisfatto, perché promise, in campagna elettorale e nei primi discorsi da presidente, che avrebbe saputo sconfiggere il settarismo nel Congresso e avrebbe unito democratici e repubblicani sui grandi temi.  Obama ha a disposizione pochi mesi per mantenere questa promessa prima che democratici e repubblicani sposteranno la loro attenzione sulle elezioni del prossimo novembre per rinnovare la Camera e un terzo del Senato.  Ma, come Obama ha annunciato nel suo discorso, lui non si arrende.

Pubblicato da

Anthony M. Quattrone, Ph.D.

This blog is managed by Anthony M. Quattrone, Ph.D. Dr. Quattrone holds a Bachelor of Arts from the University of Maryland, a Master of Education from Boston University, and a Ph.D. in Applied Management and Decision Sciences from Walden University. Dr. Quattrone has worked in Naples for the past 35 years in the management of international education programs and in the management of human resources for a major international organization. Dr. Quattrone, a native New Yorker, has written several hundred articles for the Italian media regarding both local and international politics.

2 pensieri su “Obama tira dritto: “Io non mi arrendo””

  1. Caro Tony, auguriamoci che il Presidente non abbaia la stessa “suerte” di Ciro Ferrara che, dicendo non mi arrendo nonostsante le ripetute sconfitte, poi è andato a casa. Sicuramente il Presidente non avrà dei consiglieri validi che avrebbero dovuto farlo riflettere sulla sua sfrenata voglia e fretta di promulgare la legge sanitaria. Sarà molto difficile per il Presidente convincere gli Americani che il Suo operato è quello giusto per tutta la Nazione. Un saluto, Enzo.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...